Nell’ambito delle attività esercitative programmate per l’anno 2016, il Settore Protezione Civile e Sistema Antincendi Boschivi della Regione, in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile, ha pianificato un’esercitazione di tipo “full-scale” (con attivazione per posti di comando e azioni reali sul territorio),  riguardante il rischio sismico nel Pinerolese, con il coinvolgimento e l’attivazione del sistema nazionale di Protezione Civile. In relazione alla tematica trattata ed alle collaborazioni realizzate, l’attività assume valenza di esercitazione nazionale.

 

Approfondisci

 
I principali filoni esercitativi sono i seguenti:
-    attività della Sala Operativa Regionale (S.O.R.) e della Direzione Comando e Controllo Nazionale  (Di.Coma.C)
-    attivazione e mobilitazione della Colonna Mobile Regionale (C.M.R.), nelle componenti di assistenza alla popolazione,
     moduli sanitari regionali (Posto Medico Avanzato – P.M.A. ) e  Posto di Assistenza Socio Sanitaria (P.A.S.S.)
-    attivazione ed organizzazione delle squadre di valutazione agibilità degli edifici ordinari
-    attivazione ed organizzazione delle squadre di valutazione sui rischi indotti dal sisma
-    attività dei Centri di Comando e Controllo a livello provinciale e comunale
 
Gli obiettivi dell’esercitazione, raggruppati per area funzionale, sono i seguenti:
-    COORDINAMENTO SALA OPERATIVA: verifica della gestione d’evento dalla S.O.R., rafforzamento dei rapporti con i centri di comando attivati sul territorio, consolidamento del modello di intervento e verifica dei rapporti tecnico-istituzionali con il Comitato Operativo di Protezione Civile; coordinamento con la Di.Coma.C. e con il sistema di  soccorso nazionale;
-    TECNICA DI PIANIFICAZIONE: redazione dell’Allegato 2 del Programma Nazionale di Soccorso per il Rischio Sismico (ai sensi DPCM 14 gennaio 2014) ed esercitazione sui rischi indotti;
-    SANITA’: verifica attivazione, mobilitazione ed impiego operativo dei Moduli Sanitari regionali, e del P.A.S.S.
-    MASS MEDIA E INFORMAZIONE: verifica gestione della comunicazione istituzionale, social media, comunicazione verso cittadini in coordinamento con Ufficio Stampa e comunicazione del Dipartimento;
-    VOLONTARIATO: verifiche della gestione del volontariato, in rapporto alle procedure operative di Colonna Mobile;
-    MATERIALI E MEZZI: test di applicazione delle procedure operative di Colonna Mobile, per i moduli di assistenza alla popolazione, segreteria e comando;
-    TELECOMUNICAZIONI (TLC): verifiche gestione reti TLC alternative, gestione anomalie servizi S.O.R.;
-    CENSIMENTO DANNI: verifiche della gestione delle squadre di rilevatori e degli esiti di agibilità (Scheda di rilievo AeDES);
 
L’arco temporale di svolgimento dell’esercitazione sarà di tre giornate feriali, indicativamente per una durata effettiva complessiva di 28 ore (comprensive di “debriefing” finale, previsto al terzo giorno).
 
Gli Enti/Soggetti a vario titolo coinvolti (organizzatori ed esercitati) nell’esercitazione sono i seguenti:
-    Dipartimento Nazionale Protezione Civile
-    Regione Piemonte (Settori Protezione Civile, Sismico, Sanità e Dighe)
-    118 Piemonte e ASL territorialmente competenti
-    Croce Rossa Italiana
-    Direzione regionale e comandi provinciali Vigili del Fuoco
-    Città Metropolitana di Torino
-    Province piemontesi
-    Comuni della Citta’ Metropolitana di Torino (80 dello scenario sismico)
-    Comuni della Provincia di Cuneo (8 dello scenario sismico)
-    Prefettura/UTG di Torino
-    Arma dei Carabinieri
-    Guardia di Finanza
-    Esercito Italiano
-    Corpo Forestale
-    Coordinamenti Volontariato a livello regionale (PC, AIB, ANA, ANC, ANPAS)
-    Ordini Professionali del Piemonte (Geologi, Architetti, Ingegneri, Geometri…)
-    Centro Funzionale Regionale di Arpa Piemonte
-    Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia (INGV)
-    Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
-    Rete Ferroviaria Italiana
 
Il programma, i luoghi e le azioni di dettaglio dell’esercitazione NON verranno rese note a priori ai partecipanti, che quindi si attiveranno compatibilmente con le tempistiche di una reale emergenza. L’esercitazione viene pertanto pianificata e controllata da un apposito staff direttivo, denominato “Excon”, composto da rappresentanti dei vari Enti/Soggetti coinvolti, con il coordinamento del Settore Protezione Civile e Sistema Antincendi Boschivi della Regione Piemonte. Inoltre verrà organizzato un gruppo di valutazione esterna dell’esercitazione, che parteciperà alle attività di debriefing post-esercitazione.

Durante la seconda giornata (15 giugno) ci sarà la visita del Capo Dipartimento della Protezione Civile, Ing. Fabrizio Curcio, per il quale è stato pianificato lo specifico programma allegato. Nell’occasione verranno visionate le attività presso la sede della Protezione Civile Regionale e visitati i siti di esercitazione sul territorio dove sarà portato un saluto a tutti gli operatori che partecipano all’esercitazione. Sul territorio il Capo Dipartimento sarà accompagnato dall’Assessore alla Protezione Civile, mentre nella sede regionale di Corso Marche sarà ricevuto, nel pomeriggio, dal Presidente della Regione.

A supporto dell’organizzazione dell’esercitazione sono state realizzate preliminari attività formative nei confronti di alcuni dei soggetti coinvolti (membri del CCS, operatori del ministero beni ambientali e culturali, nuclei dei carabinieri, rappresentanti dei vigili del fuoco, tecnici comunali, rappresentanti degli ordini professionali, operatori sanitari, volontari della Colonna Mobile Regionale…). I corsi sono stati tenuti da funzionari del Dipartimento della Protezione Civile, della Regione Piemonte, del sistema sanitario regionale.

Gli argomenti trattati, oltre alla presentazione dell’esercitazione Magnitudo 5.5, hanno riguardato il sistema di protezione civile, la gestione delle emergenze, il censimento danni, gli interventi sanitari in emergenza, la gestione e l’operatività della colonna mobile regionale.

 


Documentazione scaricabile

Documentazione Download

 

Informazioni tecniche e storiche sulla sismicità in Piemonte

 

 

Rischio sismico

 

 

Rischio sismico: Sei preparato?

 

 

Cosa fare durante e dopo il terremoto

 

 

Programma nazionale rischio sismico: introduzione

 

Programma nazionale rischio sismico

INGV Terremoti

ARPA Piemonte: mappa gis ultimi terremoti