Sono rientrati alcuni tecnici del team del Piemonte, funzionari del settore Sismico della Regione e di Arpa Piemonte, che dal 1° gennaio sono andati a Catania per supportare alcuni comuni interessati dal sisma nel censimento danni agli immobili.

Il Piemonte ha messo a disposizione il sistema Erikus, uno degli applicativi che il Dipartimento nazionale negli ultimi eventi ha utilizzato in caso di sisma per sveltire le procedure di censimento degli immobili colpiti dal terremoto e per dare ai cittadini una risposta più veloce sulle condizioni e quali interventi devono essere messi in atto per il recupero della piena agibilità della propria abitazione.

In Sicilia nel Centro operativo Comunale di Zafferana, dopo una fase iniziale di formazione ai tenici catanesi, continuano ad operare alcuni Volontari del Coordinamento del Piemonte nel caricamento dei dati mentre è ancora assicurato il supporto tecnico in remoto a tutti i comuni dagli uffici di Torino.

Erikus, ormai considerato uno strumenti efficace nel censimento degli immobili lesionati durante un siama, nel 2018 in Piemonte è stato una delle novità nelle attività di formazione del volontariato di protezione civile, a cui hanno aderito circa 70 tenici che ora sono pronti per intervenire sul territorio nazionale.

Il software, messo a punto dal Settore Simico e Arpa Piemonte, in collaborazione con il Dipartimento nazionale, è anche un progetto di alternanza scuola lavoro promosso in alcune scuole piemontesi ed è stato esportato in Francia nel progetto europeo Risval, dopo che gli esperti piemontesi lo hanno adattato alle schede di rilevamento danni francesi.